-

SC Engineering, si avvale della piattaforma Facility per operare nella gestione ordinaria e straordinaria degli immobili. Mediante l’uso di tale piattaforma tutti gli operatori coinvolti, possono caricare report, dal
semplice ritiro delle chiavi a report fotografici, nonché report relativi lo stato amministrativo e/o
esecutivo dei lavori.
Un sistema di accessi personalizzato consentirà di monitorare chi ha effettuato il carico delle
informazioni, limitandone però l’accesso degli stessi ad aree riservate.
Allo stesso modo il cliente potrà seguire in tempo reale lo stato di lavorazione degli l’immobili
accedendo alla piattaforma on-line attraverso un’area al lui riservata.

  • Preso in carico degli immobili
    La presa in carico degli immobili prevede l’esecuzione delle seguenti attività:
    – presa in carico dell’immobile per conto del Committente, coordinandosi con i legali dello stesso, l’eventuale Ufficiale Giudiziario, ecc.
    presenziando all’operazione, redigendo e sottoscrivendo apposito verbale di riconsegna;
    – individuazione e realizzazione degli interventi atti ad impedire l’accesso da parte di terzi e ad eliminare eventuali rischi a persone e/o
    cose (chiusura cancelli e porte, installazione di new-jersey e/o panettoni, eliminazione di situazioni pericolose, ecc.);
    – verifica generale dell’immobile con particolare attenzione agli aspetti legati alle strutture, agli impianti, alla sicurezza ed agli aspetti di
    carattere ambientale;
    – redazione di una relazione tecnico-illustrativa con indicazione della situazione rilevata ed indicazioni degli interventi necessari;
    – apposizione, in posizione visibile, di cartellonistica riportante i dati ed i contatti del gestore;
    – notifica a Terzi e/o Enti pubblici (ove necessario) della presa in carico dell’immobile limitatamente alle questioni di competenza della
    proprietà (es. utenze, passi carrai, ecc.);
    – collezione di tutte le chiavi dell’immobile e/o loro sostituzione (ove necessario), catalogazione delle stesse e indicazione su planimetria
    del numero della chiave in corrispondenza della relativa apertura;
    – disattivazione di tutti gli impianti non necessari e/o non atti a garantire la sicurezza dell’immobile e sue pertinenze, chiusura delle
    utenze ove necessario;
    – raccolta dei documenti dalla precedente gestione, dall’Ufficiale Giudiziario, dalle controparti o da qualunque altra fonte reperibile in
    loco e costituzione del fascicolo dell’immobile.
  • Sopralluogo periodico degli immobili
    L’attività di gestione dell’immobile prevede l’esecuzione delle seguenti attività:
    – ispezione con cadenza almeno semestrale con verifica ed aggiornamento dei dati rilevati in fase di presa in consegna dell’immobile;
    – ripristino della situazione di inaccessibilità e sicurezza a seguito della visita, se necessario;
    – eventuale supporto a broker mediante fornitura di chiavi e/o di duplicati di chiavi necessarie a garantire l’accesso all’immobile;
    – redazione di una relazione tecnico-illustrativa con indicazione della situazione rilevata ed indicazioni degli interventi necessari.Potranno essere richiesti dal Committente alcuni “sopralluoghi straordinari” presso gli immobili, dovuti ad emergenze quali, ad esempio:
    allagamenti, infiltrazioni, effrazioni, ecc.
    A sopralluogo effettuato dovrà essere redatta e sottoposta all’attenzione del Committente una relazione tecnico-illustrativa in merito alla
    problematica riscontrata e agli eventuali interventi proposti per l’eliminazione della stessa.
  • Gestione delle opere straordinarie e ordinarie
    L’attività di gestione delle opere ordinarie e straordinarie prevede l’esecuzione di:
    – verifica ed individuazione dell’intervento, analisi e definizione delle opere e delle attività professionali necessarie;
    – predisposizione documenti/capitolati per richiesta di offerta ed invio ai fornitori;
    – analisi delle offerte ricevute ed individuazione del fornitore cui affidare il contratto, compresa la predisposizione dello stesso;
    – supervisione e coordinamento dei lavori fino alla loro conclusione ivi compresa l’assistenza al collaudo, il recupero della relativa
    documentazione ed aggiornamento del fascicolo immobile;
    – validazione tecnica per il pagamento delle relative fatture.
  • Recupero documentale
    L’attività di recupero documentale è da attivarsi qualora il Committente non disponga dei documenti aggiornati per poter esprimere un parere
    sulla conformità urbanistica/ catastale degli immobili (punto 6 – due diligence tecnica).
    I documenti da reperire per formulare il parere di cui sopra sono i seguenti:
    – estratto di Piano Regolatore Generale ed eventuali varianti con relative norme tecniche di attuazione;
    – estratti di Piani Particolareggiati o Esecutivi con relative norme tecniche di attuazione;
    – certificato di destinazione urbanistica;
    – licenze e/o concessioni edilizie con relativi elaborati grafici;
    – eventuali concessioni in sanatoria con relativi elaborati grafici;
    – eventuali domande di condono;
    – visure storiche al catasto urbano/ catasto terreni;
    – planimetrie catastali al catasto urbano;
    – estratti di mappa.
    Il servizio verrà espletato attraverso le seguenti fasi:
    – presentazione delle richieste presso gli Enti (Comune, Sovrintendenza, Agenzia del Territorio, ecc.);
    – monitoraggio, presso gli Enti, dello stato di evasione delle richieste inoltrate;
    – ritiro delle copie presso gli Enti.
  • Due diligence tecnica sulla conformità urbanistica/catastale degli immobili
    L’attività di due diligence tecnica è attivata dal Committente per esprimere un parere sulla conformità urbanistica/ catastale degli immobile e
    prevede:
    – verifica della conformità dei documenti relativi agli immobili, con particolare riferimento a:
    – ultimo atto di vendita per quanto concerne l’identificazione catastale delle Unità Immobiliari e presenza dei titoli edilizi;
    – certificato di destinazione urbanistica;
    – planimetrie catastali;
    – elaborati grafici allegati alle licenze e/o concessioni edilizie;
    – verifica della conformità degli immobili, confrontando lo stato dei luoghi con i documenti precedentemente reperiti, attraverso
    sopralluoghi di accertamento. L’esito di tale analisi sarà restituito in una relazione tecnico-illustrativa, che riporterà le problematiche riscontrate
    e le possibili soluzioni.
  • Verifica conformità impianti
    L’attività di verifica conformità impianti prevede la verifica documentale (presenza del certificato di conformità ai sensi del D.M. 37/2008) e la
    verifica tecnico-funzionale (basandosi su controlli di tipo visivo senza sondaggi, campionature e altre prove di natura intrusiva) dei seguenti
    impianti che normalmente sono a servizio dell’edificio:
    – impianto elettrico;
    – impianto idrico;
    – impianto di riscaldamento;
    – impianto di climatizzazione
    – impianto di trattamento aria;
    – impianti di sollevamento;
    – impianti di sicurezza e speciali;
    – impianti antincendio.
    L’esito di tale analisi sarà restituito in una relazione tecnico-illustrativa, che riporterà le problematiche riscontrate e le possibili soluzioni.
  • Attestato di prestazione energetica (APE)
    L’attività sarà svolta attraverso le seguenti fasi:
    – analisi della documentazione progettuale edilizia ed impiantistica dell’involucro e degli impianti di riscaldamento e climatizzazione;
    – sopralluogo presso l’immobile e rilievo dei dati del sistema edificio-impianto secondo le seguenti modalità:
    – acquisizione di dati climatici generali (zona climatica, orientamenti, ecc.);
    – acquisizione dei dati generali dell’edificio (anno di edificazione/ ristrutturazione, tipologia costruttiva, utilizzo prevalente, ecc.);
    – individuazione delle diverse utenze dell’edificio con le relative tipologie di impianto di climatizzazione;
    – individuazione delle zone termiche;
    – predisposizione elenco componenti di facciate, chiusure superiori ed inferiori, partizioni interne, aperture, ponti termici, ecc.);
    – rilievo dei dati generali dell’impianto di riscaldamento, di climatizzazione, di distribuzione, di regolazione, produzione di acqua calda
    sanitaria, fonti rinnovabili;
    – eventuali rilievi strumentali con utilizzo di adeguata strumentazione di misura (qualora non fosse possibile desumere le caratteristiche
    stratigrafiche dei componenti opachi dalla sola analisi visiva e/o documentale);
    – elaborazione dei dati rilevati;
    – definizione del fabbisogno energetico dell’edificio ed emissione dell’Attestato di Prestazione Energetica ai sensi della L. 90/2013.
  • Due diligence ambientale per la conformità delle strutture a livello ambientale
    L’attività prevede l’esecuzione delle attività in cui personale tecnico abilitato provvederà all’esecuzione di un sopralluogo sugli immobili per la
    verifica di conformità delle strutture in materia ambientale.
    Le attività ritenute necessarie per l’individuazione di potenziali passività ambientali degli asset in oggetto sono le seguenti:
    – analisi della documentazione messa a disposizione e intervista con eventuali referenti del sito in possesso di informazioni sulle attività
    presenti e passate;
    – ispezione visiva del sito per l’individuazione di eventuali passività ambientali;
    – restituzione finale mirata alla descrizione dello stato di conformità ambientale con evidenza di eventuali criticità e relativi costi di
    approfondimento analitico di indagine o di adeguamento.
  • Piattaforma web
    Come detto in premessa, l’attività di “facility”, è coordinata e gestita sia in fase di input che in fase di output, mediante l’uso di tale piattaforma
    dove tutti gli operatori coinvolti, potranno, caricare report anche a partire dal semplice ritiro delle chiavi sino a quelli fotografici, nonché
    relativi allo stato amministrativo e/o esecutivo dei lavori.
    Un sistema di accessi personalizzato consente di monitorare chi ha effettuato il carico delle informazioni, limitandone però l’accesso degli
    stessi ad aree riservate.
    Allo stesso modo il cliente può seguire in tempo reale lo stato di lavorazione degli immobili accedendo alla piattaforma on-line attraverso
    un’area al lui riservata.